NANI FURLAN
Nani Furlan l’e stà un om che chi che l’a conosest, nol pol desmentegar. L’e nasest poret e l’a fat el contadin par tuta a so vita, un poc parchè ghe à tocà e anca parchè el ghe voea ben aea tera e ae so vache.Sempatico e de cor come pochi l’avea sposà a Ida e insieme ja avù tre fioi bei, grandi e grossi: Dino, Erminio e Claudio. In tuti e tre se pol trovar e quaità de Nani e Claudio el par proprio a so fotocopia.
Nani l’era un omenon e no a caso jo vea mandà in guera coi artiglieri da montagna del Conejan, prima in Grecia e dopo in Russia. El ghe avea fata a tornar, magro e content par aver portà casa a pel, ma dentro de lu nol riusia a cancear quel che el vea vist in guera e tuti quei so amichi restai là. Domandarghe dea Russia era faghe un dispiazher, voea dir meter in moto tuti i so doeor. Ma no par questo el vea butà via el so capel d’alpin. Non manchea mai ae commemorasion come al “quattro novembre” quando da bon cristian el mandea na preghiera e na lagrema a quei tosat morti a vinti ani o poc de pì.
Nol manchea gnanca ae gite e ae zhene parchè par lu dopo a fameja e al lavoro, e la domenega a Messa, vegnea un poc de sana baldoria co magnade e beveste e tante rideste. Quanto te ndea a casa soa nol savea cossa tirar fora par farte bona zhiera e par farte capir quant che el vea caro a to visita.
In particoeare e resterà nea storia e sere diventade matine, de quando el te invitea nea so caneva par bever a ultima. Avanti coe ciacoe e coe rideste, a ultima no a rivea mai anzi era fazhie che Nani el spichese na sopressa e che in mancanza del pan o dea poenta, a vegnese magnada “a scota deo”. El temp el passea senza accorderse tant i stea ben a contarsea. Bevendo e  ridendo rivea matina e quando qualchedun l’avarie vu voja de’ndar casa nol trovea pì Nani e a porta a era serada par fora. Aeora tochea spetar un sciant ma no massa, parchè Nani col primo ciaro l’era su par molder e vache e al varie vert a parta dea caneva. Aeora tutti i se saudea contenti tanto l’era domenega matina e chi voea l’era in temp par ciapar la Messa ultima. Nani l’era el piì content de tuti parchè chi che l’a vivest el mondo co tute e robe pì brute nol fa altro che zhercar pase e armonia, feisità e amicisia savendo che rabiarse e esser cativi nol conta nient. Veo dighe parchè na volta ò passà anca mi da Nani na sera diventada matina. Ere insieme a tanti pì veci de mi, son’ndat casa un poc bajo ma me par de aver imparà de pì in sta occasion che in tante zhornade a scuoea. Ghinè maestri diventai senza voerlo parchè viver a vita l’e a materia pì diffizhie e lori ja savest esser omini quando tut li varie portai a esser bestie. Nani Furlan el ne a asà massa presto, iè sa passai diversi ani ma un cussì no se pol desmentegarlo.
Renzo Sossai

GIOVANNI FURLAN (traduzione)

Giovanni Furlan è stato un uomo che chi l’ha conosciuto non può dimenticare. E’ nato povero e ha fatto il contadino per tutta la sua vita, un pò perchè gli è toccato farlo e anche perchè voleva bene alla terra e alle sue vacche.  Simpatico e di cuore come pochi aveva sposato la Ida e assieme hanno avuto tre bei figli grandi e grossi: Dino, Erminio e Claudio. In tutti e tre si possono trovare le qualità di Giovanni e Claudio sembra proprio la sua fotocopia.
Giovanni era un omone e non per caso lo avevano mandato in guerra con gli artiglieri da montagna del Gruppo Conegliano, prima in Grecia e dopo in Russia. Ce l’aveva fatta a tornare, magro e contento per aver portato a casa la pelle, ma dentro di lui non riusciva a cancellare ciò che aveva visto in guerra e tutti quei suoi amici rimasti là. Domandargli della Russia era fargli un dispiacere, voleva dire mettere in moto tutti i suoi dolori. Ma non per questo aveva gettato il suo cappello d’alpino. Non mancava mai alle commemorazioni come al “quattro novembre” quando da buon cristiano mandava una preghiera e una lacrima a quei ragazzi morti a vent’anni o poco più. Non mancava neppure alle gite e alle cene perchè per lui dopo la famiglia ed il lavoro e la domenica a messa veniva un pò di sana baldoria con mangiate e bevute e tante risate. Quando andavi a casa sua non sapeva cosa tirar fuori per darti il massimo dell’ospitalità e farti capire il piacere che provava per la tua visita. In particolare resteranno nella storia le sere diventate mattine di quando ti invitava nella sua cantina per bere l’ultima. Chiaccherando e ridendo, l’ultima non arrivava mai anzi era facile che Giovanni staccasse una soppressa dal palo orizzontale a cui era legata e che in mancanza di pane o polenta venisse mangiata così affettata.
Il tempo passava senza che nessuno se ne accorgesse tanto stavano bene. Bevendo e ridendo arrivava mattina e quando qualcuno avrebbe voluto andare a casa non trovava più Giovanni e la porta era chiusa da fuori. Allora bisogna aspettare un poco ma non molto perchè al primo chiaro Giovanni si sarebbe alzato per mungere le vacche e così avrebbe aperto la porta della cantina.
Allora tutti si salutavano contenti perchè era domenica mattina e chi voleva, era in tempo per partecipare all’ultima Messa.
Giovanni era il più contento di tutti, perchè chi ha vissuto in questo mondo con tutte le cose più brutte non può far altro che cercare pace ed armonia, felicità e amicizia sapendo che arrabbiarsi ed esser cattivi non serve a niente. Ve lo dico perchè una volta ho passato anch’io da Giovanni una sera diventata mattina. Ero assieme a tanti più vecchi di me, sono andato a casa un pò claudicante ma mi sembra di aver imparato di più in questa occasione che in tante giornate a scuola. Ci sono maestri diventati senza volerlo, perchè vivere la vita è la materia più difficile e loro hanno saputo essere uomini quando tutti li avrebbe portati ad essere bestie. Giovanni Furlan ci ha lasciato troppo presto, sono già passati diversi anni ma uno così non si può dimenticarlo.

Renzo Sossai